Il fimo è tossico???

Il Fimo di per se non è un materiale velenoso. Stare solamente attenti a:

non ingerirlo
non appoggiarlo sulle ferite (un cerotto in Fimo non è certo l’ideale)
non bruciarlo

Quest’ultima è forse la possibilità più remota ma pur sempre possibile in cui si manifesta la tossicità della sostanza: il fumo è tossico. Proprio per questo i professionisti del Fimo solitamente hanno un fornetto apposito per cuocere le loro creazioni: se da un lato consuma meno energia del forno di casa, dall’altro si evita qualsiasi probabile tossicità della materia.
Ovviamente chi utilizza il Fimo in maniera saltuaria può benissimo ricorrere al forno di casa, seguendo, in questo caso, un’accortezza: lasciar passare almeno due ore da quando si è estratto dal forno il vostro capolavoro prima di riutilizzarlo per cucinare. E, ovviamente, dopo averlo areato un bel po’. Consiglio comunque di utilizzare un fornetto elettrico che userete appositamente per cuocere levostre creazioni
La tossicità del Fimo deriva dal fatto che è principalmente composto da PVC, materiale risalente agli anni Trenta, che al suo interno contiene ftalati (derivati del petrolio), utilizzati come ammorbidente. La vecchia formulazione del Fimo conteneva, appunto, tracce di queste sostanze che, comunque, sono presenti in creme, trucchi e molti prodotti da noi comunemente utilizzati. Negli ultimi anni, però, si sono intensificate le ricerche per rendere il prodotto il più ecologico possibile, anche per quanto riguarda gli standard imposti dall’Unione Europea per la riduzione dell’inquinamento.

Si è dunque progredito con formule sempre più verdi che contenessero meno sostanze dannose possibili (anche perché il Fimo è categorizzato come giocattolo, e quindi come tale deve seguire standard rigidi) fino ad arrivare alla grande novità del 2010: il FimoAir Natural. Questa è una pasta modellabile, venduta in confezioni da 250 o 500 grammi e per ora disponibile in una ristretta gamma di colori, molto leggera e che asciuga all’aria (circa un giorno) e quindi non necessita né di forno tradizionale né di microonde (la novità dello scorso anno era appunto un Fimo che si cuoceva in 10 minuti grazie alle microonde). Ne risulta una materia che una volta asciutta è altamente resistente e più ecologica.

Annunci

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. chiara
    Ago 05, 2015 @ 08:16:50

    si può usare un microonde che fa anche fa anche da forno??

    Rispondi

  2. Sofia
    Dic 18, 2017 @ 17:06:28

    Per sbaglio ho bruciato il fimo nel fornetto a microonde…se lascio le finestre aperte ed il fornetto anche, per due ore posso riutilizzarlo?? Se in casa ne abbiamo respirato l’aria, anche per poco, può essere nocivo?

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: